COM’È INIZIATO QUEST’ANNO?


L’anno scolastico 2019/2020, come tutti gli altri, è iniziato a settembre. A guardar bene il calendario siamo ormai arrivati a febbraio…ci stiamo avvicinando alla fine del primo quadrimestre: il giro di boa di questi dieci mesi di scuola. Il tempo è trascorso, come spesso accade, velocemente. Ma le pagine usate dei nostri diari o delle agende, iniziano ad acquistare un certo spessore. Con i bambini della classe terza di Scuola-Città Pestalozzi, abbiamo deciso di recuperare dal “cassetto” un lavoro che abbiamo realizzato e messo appunto durante il primo mese di attività scolastiche. Si tratta di nove cronache, che i bambini hanno scritto ed illustrato a coppie, cercando di raccontare le loro impressioni del primo giorno di scuola. Realizzate prima con carta e matita, e poi “videoscritte” e digitalizzate, ci sembravano un buon modo per iniziare a pubblicare nel rinnovato blog di SCP. Un buon modo per ricordarci e ricordarvi come, quest’anno, tutto ha avuto inizio. Nella nostra classe inoltre, a novembre, c’è stato un inizio particolare: si è unita infatti al nostro gruppo una nuova bambina. Potrete trovare all'interno del post un lavoro che illustra e racconta il suo primo giorno. Buona lettura! 

 Il maestro Roberto.




 CRONACA DEL PRIMO GIORNO DI SCUOLA. 

 LA MAGICA SCUOLA

Il 16 settembre 2019 siamo entrati a scuola con i nostri genitori. Ci hanno accolti un mimo e poi i maestri che ci hanno cantato una canzone. Ci hanno fatto entrare in mezzo a delle funi, che rappresentavano delle navi. Le funi erano tenute da dei maestri. Poi siamo andati a fare un giro in giardino. Siamo passati davanti alla regina Didone, la maestra Anna (era mascherata ma l’abbiamo riconosciuta) e siamo andati a vedere la sirena sulle scale antincendio. Alla fine siamo andati di nuovo a vedere la regina Didone e ci ha fatto un discorso. La cosa che ci ha colpito di più è stato il mimo, perché ci ha divertito. Tutti, mentre lo guardavano, ci sono sembrati tanto divertiti e incuriositi.

 Gaia e Alessandro.



 Il 16 settembre, il primo giorno di scuola, i bambini con i loro genitori sono entrati nel giardino della scuola. Ci ha accolti un mimo che ci ha accompagnato in delle barche. Queste barche non erano vere ma erano costruite con dei lunghi nastri. Abbiamo fatto un giretto e visto tante cose: ad esempio una sirena e la regina Didone! Poi siamo andati ognuno nelle proprie classi. Dopo i maestri ci hanno spiegato cosa avremmo fatto nella seconda parte della mattinata. Abbiamo fatto un laboratorio: dovevamo costruire un mezzo di trasporto e un approdo dove si potesse fermare. Questa parte della giornata è stata bellissima perché abbiamo lavorato con i bambini di terza media. Noi abbiamo costruito un “fantacamper” (Camilla), e una barca (Samuel). È stata una giornata bellissima!!!

Camilla e Samuel.



Il primo giorno di scuola siamo entrati dal cancello con i genitori e abbiamo visto subito un mimo. Poi siamo andati dentro a delle navi fatte con e corde lunghissime e abbiamo visto degli attori. Ma noi vorremmo raccontarvi il nostro momento preferito della giornata. È stato quando dovevamo costruire un mezzo di trasporto e l'approdo. Ci siamo sentite molto impegnate. I mezzi di trasporto sono stati fatti da delle coppie. i mezzi di trasporto erano ad esempio le macchine, gli aerei, le navi ecc. Ogni mezzo di trasporto, doveva trovare il suo approdo, che poteva essere un garage, un aeroporto o altre cose. Ci è piaciuto lavorare in coppia, soprattutto con i bambini più grandi. 

Emma e Sofia.

 IL MIMO. 

 Il primo giorno di scuola, tutti i bambini di Scuola-città Pestalozzi, insieme ai loro genitori, sono entrati dal grande cancello. Abbiamo visto davanti a noi un mimo che faceva delle facce buffe. Poi dietro al mimo c'erano tutti i maestri e c'erano anche dei maestri nuovi che cantavano. Alcuni dei maestri tenevano dei fili che formavano dei grandi triangoli, questi rappresentavano delle navi. Ci hanno portato davanti ad una donna mascherata che buttava la plastica a terra. Poi Abbiamo visto uno spettacolo teatrale. In questo spettacolo c'era una regina, alla quale abbiamo chiesto se potevamo entrare nel suo paese. Poi abbiamo fatto merenda e i laboratori. Vorremmo dire qualcosa di più del mimo. Abbiamo scelto di parlarvi del mimo perché era a nostra prima volta che lo vedevamo. A noi ci faceva ridere un po', perché faceva gesti comici. I vestiti erano neri e la sua faccia era truccata di bianco con dei brillantini intorno agli occhi. Ci piaceva moltissimo il suo aspetto, ed è stato molto emozionante vederlo!

 Giulia e Dalia.

 IL MIMO SULLA PANCHINA 

 Il primo giorno di scuola siamo entrati tutti in giardino, bambini e genitori di Scuola-Città Pestalozzi. Una volta che eravamo dentro i maestri ci hanno accolti, insieme a loro c'era un mimo. Abbiamo cantato una canzone accompagnata dalla musica. I maestri poi ci hanno detto di dividersi in vari gruppi e di seguirli nelle navi. Le navi erano costruite con delle corde. Siamo passati dai campetti e abbiamo visto il mimo e ci ha fatto paura e abbiamo fatto un altro giro e i maestri alla fine ci hanno detto di rientrare. La cosa che ci ha colpito di più è stata il mimo, perché ci ha intimorito. Il mimo era vestito di nero con la faccia dipinta di bianco ed era sopra la panchina. Tutti gli altri intorno però ci sembravano felici.

 Matteo L. e Giulio


 Il primo giorno di scuola, bambini e i genitori insieme, siamo entrati dal cancello e siamo andati nel giardino della scuola. C'era un mimo, che faceva delle cose strane, mentre ascoltavamo una canzone. Poi siamo andati in una barca immaginaria e, mentre si andava in giro per il giardino, abbiamo visto una sirena. C'era una regina di Cartagine e c'erano delle persone che ci chiamavano ladri e anche stranieri. Queste persone non volevano farci entrare nel loro paese. Dopo la merenda abbiamo fatto anche un laboratorio. Abbiamo costruito dei mezzi di trasporto e il loro approdo. Ci è piaciuto tantissimo, perché ci piace tantissimo costruire. Anche gli altri che facevano i laboratori erano molto felici.

 Nico e Matteo D.




 IL PRIMO GIORNO DI SCUOLA

Era il primo giorno di scuola, in giardino c'erano genitori e bambini e c'era un mimo ad accoglierci. Dopo la ricreazione abbiamo fatto un laboratorio e ci hanno divisi in coppie. Vorremmo parlarvi un po' di più del laboratorio perché ci piace costruire le cose. Le coppie erano formate da bambini più grandi e più piccoli. Due coppie lavoravano insieme: una inventava e costruiva un mezzo di trasporto, l'altra inventava e costruiva l'approdo. I bambini che facevano questo lavoro ci sembravano felici. Tutte gli oggetti che sono stati costruiti ci sono piaciuti. Alla fine è stata fatta una mostra all'ingresso: era bellissima!!!

Mina e Maddalena.


 Il primo giorno di scuola ci siamo trovati in via Tripoli, eravamo tutti i bambini e i genitori di Scuola Città Pestalozzi. Siamo entrati dal cancello grande e abbiamo incontrato un mimo. I maestri hanno cantato una canzone poi ci hanno caricato su tre navi e ci hanno portato in giro in tutto il giardino. Le navi non erano vere!!! Erano fatte con dei nastri, legati fra loro da tanti nodi. Poi abbiamo visto una piccola rappresentazione dove c'era la regina Didone! Dopo ci hanno chiamato classe per classe, e i maestri ci hanno spiegato cosa dovevamo fare. Ci hanno diviso gruppi da quattro bambini. Due bambini hanno fatto un mezzo di trasporto e gli altri due il suo approdo. La cosa che ci è piaciuta di più è stata la rappresentazione con la regina DIDONE. Il suo vestito era lunghissimo e bello. Ci sembrava un vestito magico. Le persone intorno erano felici.

 Ahinsa, Clio e Miriam.


 Il primo giorno di scuola siamo entrati dal cancello di via Tripoli. Quando siamo entrati abbiamo visto un mimo. Il mimo ha indicato ai bambini e familiari cosa fare. Siamo poi entrati in delle barche fatte con delle corde e abbiamo visto una signora che buttava la plastica in mare e trasformava i bambini in maiale. Poi abbiamo visto la regina Didone e siamo andati in classe e dopo tutto questo abbiamo fatto un laboratorio. La cosa che ci è piaciuta di più è stata la maschera della signora che trasformava i bambini in maiali. L’abbiamo riconosciuta: era la maestra Anna! Ci è piaciuta perché ci ha fatto ridere e anche se trasformava i bambini in maiali, alla fine non erano tanto brutti!

Libero e Rinor


IL PRIMO GIORNO DI ALICE



Alice

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A MASSIMILIANO ERMINI. CORNICIAIO

Intervista a Clet, l'artista dei cartelli

A spasso per San Niccolò alla ricerca delle opere di Blub