INTERVISTA A MASSIMILIANO ERMINI. CORNICIAIO

Direttamente dall'Open Learning di Giornalismo di quartiere- Lavori vecchi e nuovi, rubrica curiosa di interviste ai grandi. 


A Firenze, in via Pietrapiana, lavora Massimiliano Ermini, corniciaio da 27 anni . Quando entri nel suo negozio non si sa dove mettere i piedi perché è invaso da cornici di ogni forma , misura e colore . La sua bottega si chiama LAC ed è molto frequentata da persone di tutto il mondo . Siamo andati a fargli alcune domande sul mestiere di corniciaio. Massimiliano ci risponde dal suo tavolo,  lavorando ad una nuova cornice. Le sue mani corrono veloci e accompagnano le sue parole.


Come ti è venuta la voglia di fare il corniciaio ? Volevo fare un lavoro manuale , ho provato il
mestiere di corniciaio e mi è piaciuto così  ho continuato.  Prima facevo un lavoro d'ufficio che non mi soddisfava più. Volevo lavorare con il legno, con la materia e mi si è presentata l'occasione giusta...

E’ difficile trovare collaboratori ? E’ molto difficile , dato che è un lavoro molto faticoso . 

Quante ore lavori al giorno ? Minimo 12 ore al giorno. 

Avete rischi sul lavoro ? Si , possiamo tagliarci un dito oppure una mano. 

E’ facile trovare clienti ? E’ più facile perderli che trovarli. 

Hai persone giovani che lavorano con te ? Si ho un ragazzo giovane che lavora con me. 

Questo lavoro si può fare in più persone ? Si, in questo caso è più veloce il lavoro da svolgere, ma si può lavorare anche in una sola persona. 

Quanto ci vuole per fare una cornice ? Minimo 1 ora e mezzo , ma anche di più. 

 A che età hai iniziato a lavorare come corniciaio ? Intorno ai 23 anni, ovviamente ero seguito da un maestro cornici.

Quali sono state le cose più strane che hai incorniciato ? Una persona mi ha portato la memoria interna del computer con cui il figlio si era laureato. Mi hanno portato anche delle spade giapponesi e addirittura, una volta,  un messicano ha voluto un preventivo per una cornice così grande che non stava nemmeno in bottega . 

Perché le nuove generazioni dovrebbero praticare questo lavoro ? Perché è un lavoro dove crei qualcosa e, se soddisfi il cliente, poi sei soddisfatto.









Post popolari in questo blog

COM’È INIZIATO QUEST’ANNO?

A spasso per San Niccolò alla ricerca delle opere di Blub